Trustpilot

Fontana degli arditi, Vittorio Veneto 1918

Quello di Salsa è un modello di fontana tardo-rinascimentale, costituita da un’ampia vasca poligonale, poggiante su gradini per compensare il dislivello del terreno, al cui centro è posto un balaustro. Eretta nel 1823 nel lembo settentrionale di Ceneda, si caratterizza per il reimpiego della statua di una seducente fanciulla, databile al tardo Seicento, che evoca opere ellenistiche e potrebbe ben figurare in una Villa Veneta.

Questa è la “fontana degli Arditi” perchè, secondo una tradizione non priva di buonsenso, durante la prima guerra mondiale qui si dissetarono i soldati italiani che il 30 ottobre 1918 liberarono la città. Nel dopoguerra quest’acqua cristallina è stata oggetto di ulteriori gesti simbolici: nel 1934 l’allora podestà Giacomo Camillo De Carlo, Medaglia d’Oro al Valor Militare, riempì con quest’acqua un’ampolla soffiata dai vetrai di Murano affinchè, mescolata con l’acqua del Giordano, venisse utilizzata per il battesimo di Maria Pia, primogenita di Umberto II di Savoia, avvenuto nella Basilica di Superga.

Tutte le immagini sono coperte da diritti di autore di Alessandro Steffan (Reflexbook e Reflexdrone) e non possono essere utilizzate in alcuna forma senza il consenso dell’autore, per informazioni utilizzate il modulo nella sezione contatti.

ALTRI SERVIZI SPECIALI E RADUNI

Torna in cima